Le MIGLIORI scarpe da running da comprare

Sei indeciso su quali siano le migliori scarpe da running da comprare? Questo articolo ti aiuterà a scegliere il miglior modello per le tue esigenze.

Chiunque ami la corsa, sa che per un’attività del genere occorre il giusto paio di scarpe sportive. Sia che l’allenamento sia fatto per passione, sia che l’allenamento sia fatto per agonismo, la scarpa sportiva ed in questo caso specifico la scarpa running “fa”, anzi deve fare la differenza in termini di prestazione e di comodità a 360 gradi.

Il problema, oggi più che mai, è che il mercato risulta essere molto vasto con centinaia e centinaia di modelli cui scegliere, ognuno con caratteristiche particolari e specifiche.

Pertanto diventa importante saper comprare le calzature running perfette ed adatte alle tue esigenze, sia economiche che prestazionali e di comodità.

Questo perché le scarpe sportive diventano tutt’uno con i piedi e danno il giusto slancio passo dopo passo.

Il tipo di scarpa

Una prima valutazione che devi fare concerne il tipo di scarpa che intendi indossare.

Di solito si fa una distinzione tra scarpe da corsa neutre, e scarpe da corsa stabili.

Pur essendo ultimamente le differenze molto sottili, data l’esistenza di modelli sempre più innovativi, è giusto spiegare cosa si intenda per neutre e cosa per stabili. Sarà questo un buon punto di partenza ai fini di un’ottima scelta in termini di calzature sportive.

Per quel che concerne le scarpe da running neutre, bene esse hanno la funzione di supportare, anche se non ad alti livelli, lo slancio del corridore.

Il loro primario scopo è di ammortizzare, e a seconda del modello potrai beneficiare di proprietà di ammortizzazione che vanno da basse a molto forti. Considerate le loro proprietà e un peso che va da 250 a 350 grammi, questa tipologia di scarpe è ideale soprattutto per chi esegue uno stile di corsa naturale in cui è la parte mediana del piede che entra per prima in contatto con il suolo.

Quindi tutti coloro che non hanno un problema ortopedico, e quindi godono di un appoggio del piede “normale“, la scelta della scarpa neutra può andare più che bene.

Viceversa, una scarpa da running stabile si differenzia per il particolare supporto che fornisce ai piedi dei corridori.

Questi ultimi infatti godono del massimo slancio e di confort totale qualora sia il tallone che la caviglia si pieghino verso l’interno durante la corsa.

Per chiunque dunque abbia questo difetto di postura (che si chiama iperpronazione), la calzatura da corsa stabile accompagna il piede piuttosto che comprometterne l’appoggio.

Il supporto dato da queste scarpe stabili va da forte a molto forte, la loro ammortizzazione invece da media a forte.

Grazie al tipo di materiale utilizzato per la realizzazione delle scarpe stabili, queste ultime sono in media leggermente più pesanti rispetto alle scarpe neutre e vanno da 300 a 400 grammi, pertanto hanno un peso quasi doppio alle scarpe da running di tipo “stabile”.

I modelli che ti consiglio

Modello in base all’uso

L’utilizzo della scarpa è fondamentale per scegliere il modello giusto.

Questo perché ogni scarpa ha la sua forma e ha la sua suola che si adatta ad un terreno piuttosto che ad un altro e viceversa.

In tal senso sarebbe dunque opportuno imparare a selezionare tra tre modelli, a seconda di dove si corre:

  • Scarpe da strada;
  • Scarpe da fuoristrada;
  • Scarpe per cross-training.

Le scarpe appartenenti alla prima categoria, le scarpe da strada, sono quelle più gettonate, in quanto si tratta di scarpe leggere e flessibili.

Sono pensate per percorrere superfici dure, piane, ad esempio marciapiedi, tapis roulant e piste d’atletica.

Scarpe da running da strada

Le scarpe da running da strada hanno una soletta morbida e piatta che aumenta il comfort del piede.

I modelli che ti consiglio

Scarpe da fuoristrada

Il secondo modello, le scarpe da fuoristrada, è invece pensato per correre su prati, sentieri e in generale su tutti i terreni ed i sentieri non asfaltati.

Questo perché le suole da fuoristrada presentano segni più marcati che aumentano la trazione su terreni sconnessi.

Al contempo la parte più bassa è rinforzata per tutelare il piede da rocce e oggetti appuntiti.

Al contrario di quelle poc’anzi viste, le scarpe da strada sono più rigide e tendono a dare maggiore supporto su superfici non piane donando al corridore più stabilità, fattore indispensabile in questo caso per evitare cadute o spiacevoli infortuni.

I modelli che ti consiglio

Scarpe per cross-training

Infine, le scarpe per cross-training sono state realizzate per essere utilizzate in palestra e durante allenamenti di crossfit o simili.

Tra le caratteristiche fondamentali che questa tipologia di calzatura deve possedere citiamo:

stabilità e protezione: è fondamentale una perfetta stabilità del piede indispensabile nei movimenti della pesistica specifica per il cross-training;

versatilità, leggerezza e ammortizzazione: la pratica del cross-training mette a dura prova la resistenza di ogni scarpa a causa del repentino passaggio da un esercizio all’altro, esercizi inclusi in circuiti che richiedono di essere completati nel più breve tempo possibile.

Pertanto la scarpa per cross-training deve possedere necessariamente queste tre qualità, ovvero versatilità, leggerezza e ammortizzazione;

Traspirabilità: Per evitare che il piede sudi troppo è importante che la scarpa da cross-training abbia una qualità fondamentale: ovvero dissipi bene il calore.

I modelli che ti consiglio

L’ammortizzazione

Chi va a correre fa leva sulle caviglie e sui piedi per compiere quel movimento accelerato che costituisce la corsa.

Dal momento che il piede deve sorreggere ripetutamente il peso corporeo per via dello stacco da terra che avviene durante la corsa, è di fondamentale importanza regolare il grado di ammortizzazione in base al livello di allenamento, agli obiettivi di allenamento e al peso corporeo.

Se fai jogging per hobby, e dunque sei un corridore inesperto dovresti optare per delle scarpe con alta ammortizzazione.

In tal modo non sforzerai troppo i muscoli e le articolazioni. Coloro che invece sono più allenati possono invece avvalersi di calzature caratterizzate da un’ammortizzazione inferiore.

Una scarpa meno ammortizzata è particolarmente adatta per chi si vuole allenare ad un ritmo più veloce.

Con un grado inferiore di ammortizzazione l’energia non si disperde nel momento in cui il piede tocca il terreno. Di conseguenza la stessa energia viene convertita direttamente in forza.

La qual cosa permette al corridore di darsi una spinta più rapida da terra e raggiungere una velocità maggiore con meno sforzo.

Un’ammortizzazione più alta non indica per forza una scarpa migliore. La scelta dipende dalla propria capacità di corsa e dalla propria resistenza in strada.

La vestibilità e la comodità

Anche la vestibilità rappresenta un criterio fondamentale per la scelta della scarpa da running giusta.

Non solo deve avere infatti le dimensioni giuste, ma ci vuole anche un poco di spazio tra l’alluce e la punta della scarpa.

Ideale sarebbe indossare anche delle calzature da corsa in grado di supportare e proteggere il piede nelle aree che sono sottoposte ad un ulteriore sforzo.

La cosa più importante per una vestibilità ottimale è avere una buona sensazione sul piede che porti a sentire la scarpa comoda e che si adatta bene al nostro piede avvolgendolo delicatamente, ma allo stesso tempo creando un tutt’uno con lo stesso.

Provare le scarpe in negozio

Qual è il modo migliore per scegliere la scarpa giusta?

Sicuramente misurando il paio scelto di persona in un negozio.

Bisogna prendersi del tempo per provare la scarpa e vedere se la si sente leggera e confortevole al piede.

Questo serve a farti provare che tipo di sensazione si vive, il tutto considerando che le scarpe che offrono un’ammortizzazione elevata danno una sensazione diversa rispetto alle scarpe da corsa tradizionali.

Nel momento in cui le misuri, puoi tenere conto delle performance, e perché no anche della forma estetica che esse hanno.

Proprio come con qualsiasi altra scarpa, non è consigliabile indossare una scarpa massimalista per ogni allenamento o tutti i giorni.

Il brand

Conta davvero il brand che produce la scarpa da corsa?

Sì e no.

Per quanto infatti sia fondamentale affidarsi ad una casa produttrice che sia una garanzia e sia seria, non per forza la qualità si nasconde dietro a brand che costa tantissimo.

C’è comunque da tenere presente che la maggior parte dei marchi, anche quelli più accessibili economicamente, usano materiali di buona qualità che rendono la scarpa ottima e duratura nel tempo.

Tieni ugualmente conto che le scarpe da running di marche sconosciute ovvero le più economiche, non sono adatte per chi sta iniziando a correre adesso, proprio perché magari non eccellono in termini di comodità e prestazioni, oltre al fatto che materiali e cuciture scadenti ti porteranno a cambiarle con modelli nuovi dopo pochissimi mesi di utilizzo.

Quanto è importante il prezzo

Generalmente una scarpa dal prezzo più alto o di una marca conosciuta (come ad esempio Nike, Adidas, Reebook, Lotto, Asics, Joma, eccetera) ha più probabilità di essere un prodotto di qualità.

Sicuramente in questo caso vale il detto che il risparmio non è mai guadagno.

Tuttavia come già detto esistono delle scarpe economicamente più convenienti che hanno una resa discretamente buona durante la corsa, anche se il nome non è un brand di richiamo.

In commercio trovi prezzi di ogni genere. Tuttavia ti consigliamo di spendere qualche decina di euro in più per una avere una maggiore garanzia in fatto di qualità, durata della calzatura e comodità delle stesse una volta indossate.

Sarà una spesa ben fatta, un buon investimento che verrà ammortizzato nel tempo, perché resisterà meglio all’usura ed eviterai di acquistare nuove scarpe ogni pochi mesi.

Il nostro consiglio è quello di acquistare la tua scarpa sportiva online ad esempio su Amazon, il “colosso” ecommerce americano che oltre alla possibilità di farti risparmiare offre il vantaggio di pubblicare opinioni e recensioni di clienti verificati che hanno acquistato il prodotto e che quindi l’hanno provato realmente.

I prezzi variano tra i 30 euro per le scarpe più economiche e possono arrivare anche fino ai 200-300 euro per scarpe da running di brand famosi costruite con materiali di prima scelta e assemblate per durare anni.