Come recuperare la password di Gmail in 3 mosse

In questo articolo approfondiremo come recuperare la password di Gmail, con il presupposto che per farlo potrai mettere in campo due strategie. La prima seguendo la procedura guidata sottoposta da Google e la seconda mediante l’utilizzo di un apposito software.

Se hai dimenticato la password di Gmail e non sai come accedere alla tua casella e-mail, non ti devi preoccupare minimamente. Nonostante possa essere una scocciatura soprattutto se utilizzi la mail a livello professionale, la soluzione a questo problema è davvero molto semplice e la situazione riguarda più persone di quante immagini.

Come anticipato, la condizione di aver smarrito la password di Gmail è comune a moltissime persone, che quotidianamente si ritrovano a non poter accedere alla propria casella. Se tale condizione in ambito domestico può rivelarsi come una banale scocciatura, in ambito lavorativo invece può diventare un problema.

Ti basti pensare cosa significa non rispondere per molto tempo ad esempio alle richieste dei clienti. Assodata l’importanza di recuperare la password di Gmail in tempi brevi, c’è un aspetto da sottolineare e cioè che seguendo la procedura offerta da Google potrai solamente cambiarla con una nuova, mentre con il software di cui parleremo più avanti, avrai modo di recuperare la tua vecchia. Procediamo per gradi.

La procedura guidata per recuperare la password di Gmail

procedura guidata per recuperare la pasword di gmail

Cominciamo dalla prima delle due soluzioni per recuperare la password di Gmail. Il primo passo che dovrai fare è ovviamente quello di collegarti alla pagina di login della mail di Google, come fai solitamente. Successivamente recati sulla voce Serve Aiuto? metti una spunta sulla dicitura Non so la mia password e inserisci l’indirizzo della tua casella nel campo apposito. Infine premi sul tasto blu che corrisponde alla voce Continua.

Ora dovrai seguire quella che è la procedura guidata che Google ti sottopone, innanzitutto inserendo l’ultima password che effettivamente ricordi sempre nel campo specifico e successivamente premere su Continua. Nel caso non ne ricordassi nessuna, clicca su Non so e passa allo step successivo, decidendo come procedere sulla base delle informazioni che hai comunicato in passato per il tuo account Google e alle impostazioni di sicurezza che hai scelto di attivare su quest’ultimo.

Nel caso tu avessi attivato precedentemente la verifica in due passaggi, Google ti chiederà se in quel momento hai il tuo telefono con te. Spunta la voce “Posso accedere al mio telefono o alle opzioni di backup” e successivamente clicca su Continua.

Così facendo avrai modo di recuperare la password di Gmail mediante un codice di sicurezza che ti verrà inviato via SMS oppure tramite un link allegato ad una mail secondaria. Se non hai modo in quel momento di accedere al tuo telefono, poni la spunta su “Non posso accedere al mio telefono o alle opzioni di backup” oppure nel caso non avessi attivato la verifica in due passaggi, ponila su “Non ho attivato la verifica in due passaggi”.

Nel caso tu avessi selezionato la prima scelta, cioè quella che prevede tu sia in possesso in quel preciso momento del telefono, dovrai confermare di essere il titolare dell’indirizzo e-mail di cui stai richiedendo il recupero password, del tuo numero di telefono oppure del device che lo stesso Google ti indicherà, seguendo le indicazioni a schermo. Per intenderci, nello specifico caso dell’invio della mail inviato sulla casella secondaria, dovrai individuare il link allegato e cliccarci mentre, nel caso dell’SMS dovrai digitare semplicemente il codice di conferma contenuto nel messaggio.

Recuperare la password di Gmail con la domanda di sicurezza

Tra le altre opzioni di recupero contemplate, c’è la possibilità di rispondere ad una domanda di sicurezza che avrai deciso in fase di apertura della tua casella e-mail. Una volta che ti sarai recato sulla pagina di reimpostazione della password, dovrai indicare due volte la parola chiave, quindi la nuova password che intendi utilizzare. La seconda volta serve a confermare che tu non abbia sbagliato a digitarla la prima volta, obbligandoti di fatto a ripetere tutta la procedura descritta dall’inizio.

Ricorda che la procedura descritta, è valida per qualsiasi dispositivo tu possa utilizzare, quindi computer, smartphone o tablet. Anche negli ultimi due casi citati difatti, ti basterà aprire il tuo browser preferito, Google Chrome, Firefox o altri, e seguire appunto la procedura descritta.

Tieni presente che andando a modificare la password della tua mail di Google, verrà modificata anche quella per accedere al tuo account abbinato al telefono, perché in realtà i due fattori in oggetto coincidono. Quindi quando successivamente effettuerai l’accesso a tale account da altri telefoni, la password da inserire sarà appunto quella nuova che hai modificato.

Recuperare la password di Gmail: procedura tramite software

Google Password Decrypter

Come anticipato, oltre alla procedura guidata offerta da Google per recuperare la password di Gmail, ne esiste un’altra che prevede l’installazione di un software, molto leggero, sul tuo pc dotato di sistemi operativi Microsoft Windows. In questo caso, avrai il vantaggio di non modificare tale password, ma di procedere appunto al solo recupero. Il programma in oggetto si chiama “Google Password Decrypter”.

Per spiegarti in che modo agisce in maniera sintetica il software, ti basterà sapere che una volta installato scansionerà tutti i browser ed eventuali programmi di messaggistica presenti sul tuo computer, alla ricerca delle password salvate per il login sull’account Google. Ovviamente l’unico modo per permettere al programma di fare il suo dovere, sarà quello di aver salvato appunto le tue credenziali in passato sul computer in questione. In caso contrario, il metodo che spiegheremo non sarà purtroppo attuabile.

Il primo passo da compiere sarà quello di recarti su questa pagina (clicca) dove potrai effettuare il download del software in questione. Troverai un grosso pulsante verde per procedere appunto allo scaricamento. Una volta che avrai proceduto, clicca due volte sul file di installazione come sei abituato a fare con qualsiasi altro programma e segui le facili istruzioni a schermo, accettando le condizioni di utilizzo, per completare l’operazione. Successivamente a procedura completata avvia “Google Password Decrypter”.

Presta attenzione durante la fase di installazione solamente ad un fattore. Se le istruzioni dovessero chiederti di installare dei software aggiuntivi, declina l’offerta e procedi. Questo accorgimento è importante al fine di non ritrovarti con tanti altri programmi o toolbar installate che non ti occorrono. Quindi, se dovesse presentarti questa situazione, clicca su Decline e prosegui l’installazione standard.

Una volta che avrai avviato il software, clicca su Start Recovery, posizionato in alto a destra e l’applicazione, dopo qualche istante, avrà estrapolato i dati dei tuoi account dai vari browser che utilizzi o da uno dei programmi che adoperi per la messaggistica, mostrandoti appunto la password della tua casella di posta elettronica Gmail.

Qualche consiglio sul mondo delle password

Quello delle password è un mondo più complesso di quello che potrebbe apparire a prima vista. Spesso difatti, la sicurezza degli account è un problema molto sottovalutato, che può portare però a conseguenze davvero molto gravi, soprattutto in ambito professionale. Tralasciando per un attimo che per andare incontro ai “dimenticoni” esistono dei programmi appositi per conservare al sicuro tali password, la creazione delle stesse dovrebbe rispettare dei precisi criteri, alcuni dei quali dettati solamente dal buon senso, in grado di ostacolare l’operato di possibili malintenzionati.

Innanzitutto, regola valida non solamente per Gmail ma per qualsiasi altro account anche di social network, dove prevista è sempre consigliabile attivare l’autenticazione a due fattori, che prevede una conferma dell’accesso da un secondo dispositivo. Come spiegato nella procedura, può essere una casella mail secondaria, un codice da ricevere sul numero di telefono via SMS o altro ancora, a seconda della tipologia di account e di procedura.

Per quanto riguarda invece i criteri con cui procedere alla creazione della password, il primo di questi deve essere quello di non inserire all’interno della parola chiave nessun tipo di riferimento alla propria persona. Quindi veto assoluto per nome, cognome, data di nascita o qualsiasi altra informazione che effettuando una ricerca online sulla tua persona possa essere reperita.

In seconda battuta, il consiglio è quello di rendere la password difficile, utilizzando combinazioni alfanumeriche, quindi lettere alternate a numeri, intervallate da simbologie, come ad esempio @#&% o altre ancora. Più la password sarà complessa, più i tuoi dati saranno al sicuro, e lo saranno anche quelli di terze persone nel caso in cui utilizzassi tali account per uno scopo lavorativo.

Ovviamente, aumentando il livello di difficoltà della password, aumenterà anche il rischio che la possa dimenticare, motivo per cui il consiglio finale è quello di segnarsela e riporla al sicuro da qualche parte, oppure di adottare un criterio preciso per la sua composizione da te facilmente individuabile, come ad esempio quello dell’acronimo. Per intenderci, ipotizzando una frase che ti rappresenta come Mi chiamo Antonio e sono nato nel 78, l’acronimo corrispondente alla password sarebbe McAesnn78. Tale metodo sicuramente sarà in grado di mettere i bastoni tra le ruote a qualsiasi malintenzionato.

Categorie Password