I MIGLIORI Aspirapolvere Peli Animali da comprare

Sei indeciso su quale sia il migliore aspirapolvere per peli di animale da comprare? Questo articolo è stato creato con lo scopo di aiutarti a scegliere il miglior modello più adatto alle tue esigenze

L’aspirapolvere è un elettrodomestico davvero molto utile, e questo è un concetto compreso da chiunque. Ciò che spesso viene sottovalutato però, è l’importanza di avere un modello di qualità per coloro che hanno un animale domestico in casa.

D’altronde è innegabile come i nostri amici a 4 zampe possano stravolgere in positivo la nostra vita, ma sappiamo anche bene come i loro peli possano diventare un grattacapo per qualsiasi persona, soprattutto su divani e tappeti. Per questo motivo, nelle prossime righe vedremo insieme come scegliere i migliori aspirapolvere per peli animali, e quali fattori considerare per l’acquisto.

I MIGLIORI Aspirapolvere Peli Animali

Peli degli animali: perché è importante rimuoverli?

Prima di analizzare quali fattori considerare per la scelta di un aspirapolvere per peli animali, cercheremo di capire perché la rimozione di tali peli è così importante. Sono in molti i proprietari di amici a 4 zampe che sostengono come il loro pelosetto sia pulito, oppure sano, oppure come abbiano spazzolato da poco il suo pelo. Queste affermazioni però, rimarranno vere solamente in parte, perché anche il manto più pulito, può sempre ospitare grandissime quantità di acari.

In altre parole, se il pelo dovesse rientrare nella categoria dei tristemente famosi allergeni, unito all’effetto devastante di acari e polvere, il risultato sarebbe micidiale. Tutto questo non significa certamente che i nostri amici animali debbano essere lasciati fuori casa. È sufficiente infatti rimuovere i peli con una certa regolarità, usando un aspirapolvere sufficientemente potente per questo compito.

In questo modo potrai non privarti della compagnia del tuo cane o del tuo gatto, per la preoccupazione dello spiacevole effetto “collaterale”. Pulire in maniera approfondita quindi letti, divani, cuscini e pavimenti, non è solamente un discorso di igiene, ma serve anche a limitare l’insorgenza di attacchi allergici. Senza dimenticare che i soggetti più sensibili possono arrivare anche a degli attacchi d’asma.

Utilizzare un aspirapolvere per peli di animali inoltre, è la cosa giusta da farsi per ridonare all’ambiente domestico la giusta profumazione. In alcuni periodo dell’anno infatti, soprattutto durante i mesi estivi, l’odore che si sente nelle abitazioni dove sono presenti animali, non è sempre piacevole. Al contrario, ricorrendo ad un elettrodomestico di questo tipo, con il giusto sistema di filtraggio dell’aria, si può arginare sensibilmente il problema.

Come scegliere un aspirapolvere per peli animali

Una volta compresa l’importanza di una corretta rimozione dei peli degli animali dall’ambiente domestico, ora vedremo come scegliere un aspirapolvere per peli animali, e quali sono le caratteristiche tecniche principali a cui prestare attenzione.

In prima battuta, ricorda che durante l’acquisto è sempre meglio optare per modelli che siano già completi di accessori. Nelle prossime righe vedremo anche quali sono quelli che non devono mai mancare all’appello. Uno degli aspetti fondamentali da tenere presente quindi, è la potenza dell’elettrodomestico. I peli degli animali infatti, tendono a incastrarsi nelle trame dei tessuti, come cuscini, rivestimenti di animali e copriletto.

Per questo motivo, deve essere particolarmente efficace, così da garantire un’aspirazione in profondità. Ad ogni modo, come da normativa vigente, la potenza massima è “calmierata” a 900 watt. In seconda battuta troviamo l’aspetto della rumorosità prodotta dal motore.

Alcuni modelli infatti, sono particolarmente fastidiosi da sopportare in funzione proprio a causa del rumore, e spesso si smette di utilizzarli per questo motivo. La normativa prevede un livello di emissione massima di 80db, ma i migliori modelli silenziosi partono da valori di circa 60 db. Una gran differenza, considerando che corrisponde allo stesso valore di due persone che conversano.

Aspirapolvere per peli animali: con sacco o senza?

Tradizionalmente gli aspirapolvere sono sempre stati con il sacco di raccolta dello sporco, anche quelli per animali. Una volta che tale sacco si riempiva, andava estratto, buttato e sostituito con uno nuovo. Negli ultimi anni però, sono stati introdotti sul mercato modelli privi di questo ricambio, detti ciclonici.

Ovviamente, la scelta in questo senso deve essere fatta secondo le proprie esigenze, perché entrambe le varianti presentano dei pro e dei contro. Quelle con sacchetto ad esempio, sono più igieniche, perché nella sostituzione del ricambio non si entra mai in contatto con lo sporco e con i peli. Di contro però, questi modelli hanno un ovvio costo di gestione, dato proprio dalla frequenza con cui tale ricambio deve essere sostituito.

I modelli ciclonici invece, prevedono che la raccolta della polvere, lo sporco e i peli, avvenga all’interno di un contenitore che, una volta pieno, deve essere estratto, svuotato ed eventualmente lavato. In questo modo si abbatte il costo di gestione su citato, e non si perde nemmeno tempo alla ricerca del sacco nei negozi.

Viene però a mancare il discorso sull’igiene, perché in questo caso per ovvi motivi si entra in contatto con lo sporco. Ad ogni modo, questa variante deve essere costantemente tenuta pulita da chi possiede animali domestici, perché i peli raccolti occupano un volume considerevole, e se si dovesse superare la capacità massima del serbatoio, si potrebbe correre il rischio che la sporcizia torni in circolo nel sistema filtrante, quindi nell’aria stessa.

Gli accessori immancabili

Quello degli accessori, è uno dei capitoli più importanti da affrontare. Ovviamente in cima alla lista troviamo sicuramente le spazzole. Quelle destinate a questo compito sono progettate in modo tale che possano garantire un’aderenza perfetta sulle superfici incriminate, senza che l’elettrodomestico possa perdere di potenza aspirante.

Molto spesso questo accessorio è dotato di rulli automatici con la funzione anti-groviglio, in grado di scavare a fondo nelle fibre. Tali rulli smuovono i peli, agevolando l’aspirazione stessa che diventerà più efficace.

Un altro accessorio a cui non è possibile rinunciare, è la bocchetta a lancia. Le spazzole convenzionali infatti, hanno dimensioni importanti, quindi sono difficoltose da utilizzare negli angoli e nelle fessure, ad esempio quelle dei divani. La bocchetta invece, riesce meglio in questo compito. L’azione combinata dei due accessori, unita alle altre caratteristiche di cui abbiamo parlato, consente di ottenere il miglior risultato, quindi anche di rimuovere grossi grovigli di peli.

Aspirapolvere per peli animali: i robot

Negli ultimi anni si stanno diffondendo sempre più i robot aspirapolvere, grazie anche ad un abbattimento dei prezzi che risultavano particolarmente alti i primi tempi di commercializzazione. La comodità di questi robot è assolutamente fuori discussione, perché possono operare anche quando in casa non c’è nessuno. I modelli tecnologicamente più avanzati, addirittura permettono di essere comandati da remoto con lo smartphone.

Il limite è che chiaramente possono pulire solamente sui pavimenti, non certamente sui divani o sui letti. Certo è che una pulizia quotidiana fatta in autonomia, solleva da una buona parte del compito svolto manualmente. Alcuni robot ad esempio, sono dotati di particolari sensori che consentono loro di girare per tutta casa, evitando gli ostacoli, e ritornando alla loro postazione di ricarica una volta terminato il loro compito. Nonostante i prezzi siano calati però, rimangono ancora più alti degli aspirapolvere tradizionali.

Quanto costano?

Determinare con esattezza un prezzo valido per ogni modello di aspirapolvere per peli animali, non è chiaramente possibile, perché entrano in gioco moltissime varianti. Tra le principali troviamo il marchio, quindi il brand che commercializza l’elettrodomestico, la potenza, la silenziosità, il numero di accessori, la classe energetica, e molto altro ancora.

Il range di prezzo entro il quale potrai muoverti è davvero molto ampio, dal momento che si parte da poche decine di euro fino a diverse centinaia di euro. Ricorda però che spendere troppo poco, potrebbe risultare limitante sull’efficacia dell’aspirapolvere. Volendo stabilire un prezzo medio sufficiente per portare a casa un modello di buona qualità, “risparmioso” sotto l’aspetto dei consumi, e performante sotto quello dell’aspirazione, potremmo dichiararlo attorno ai cento euro.